Fabula arriva in Vaticano: il libro dei giovani creativi consegnato a Papa Francesco

0
721

«Il bene si avvera». Il celebre verso di Niccolò Agliardi ha spesso accompagnato le avventure del Premio Fabula, evento letterario nato a Bellizzi e dedicato alla scrittura dei ragazzi. Alla vigilia dell’ottava edizione, il direttore artistico Andrea Volpe mette a segno il colpo che meditava da due anni: consegnare a Papa Francesco il volume scritto a tante mani – quelle degli oltre cento giovani creativi che hanno partecipato alla scorsa edizione – che contiene favole, fiabe e racconti nati dalla mente e dal cuore di ragazzi che, a videogame e app, hanno preferito la scrittura.

«È stato un momento estremamente emozionante – spiega Volpe – Ho la fortuna di aver incontrato tante persone famose ma il suo carisma mi ha spiazzato. Incontrare il Papa è come essere irradiati da un calore familiare, una sensazione che non ho ancota metabolizzato bene. Papa Francesco è un rivoluzionario, un creativo, un sognatore per eccellenza. È un modello per tutti. Una sera, per gioco, chiesi ai giovani creativi chi volessero incontrare. Una di loro mi rispose, nello stupore generale, che le sarebbe piaciuto conoscere quello che al tempo era il nuovo Papa. Le dissi che non avevo questo potere ma le promisi che se mai ne avessi avuto l’occasione, il Papa avrebbe potuto leggere tutto ciò che avevano scritto». E così oltre alla consegna del libro è scattato il selfie di rito, una sorta di pegno che i giovani creativi hanno chiesto a testimonianza del fortunato incontro.

«Solo un ringraziamento alla mia amica Mariarita che mi ha permesso di essere in udienza dal Papa – conclude il direttore artistico del Fabula – Mi ha chiesto di riferire ai giovani creativi di parlare con i nonni e ascoltare i loro sogni per costruire un mondo migliore».

Fonte: Il Mattino – edizione web